Amici Volanti

Amici Volanti

   Set 26

Europa pt.12

Non solo Europa

ANATRE, OCHE E CIGNI

Uccelli acquatici, usano i piedi palmati per nuotare. I piccoli, che nascono già con le piume, possono camminare e nuotare subito dopo la schiusa. Si osservano numerose specie nei laghi dei parchi o allo stato selvatico.
Generalmente più piccole delle oche e dei cigni, le anatre hanno collo anche più corto. I sessi presentano un piumaggio differente, anche se il maschio con la muta di fine estate assolmiglia per un certo periodo alla femmina. Nidificano al suolo o in buche.
Si distinguono in tre gruppi principali:

Anatre di superficie: vivono in acque poco profonde e si nutrono senza tuffarsi. Fanno dei balzi per prendere il volo; hanno una macchia di vivaci colori sulle penne posteriori delle ali, chiamata “specchio”; questo è importante quando si devono identificare le femmine di color grigiastro.
Anatre tuffatrici: preferiscono acque profonde, dove si tuffano per nutrirsi di animali o piante acquatiche. Le zampe, attaccate molto all’indietro, permettono loro di nuotare sott’acqua. Corrono sulla superficie dell’acqua per prendere il volo.
Anatre dal becco-a-sega: sono pure tuffatrici, ma il becco dai bordi dentati permette loro di afferrare più facilmente i pesci viscidi.

 

Nome comune: Germano reale
Nome scientifico: Anas platyrhynchos
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il germano reale è lungo 58 cm.

Anatre di superficie, molto comune. Vive bene sia nelle acque interne che su coste o estuari. Da questa discende la maggior parte delle anatre domestiche.
Caratteristiche:Maschio: testa verde scuro e petto bruno. Femmina: specchio blu-violaceo.

Germano reale

germano

Il germano reale, di cui la foto ritrae un maschio, è diffuso in gran parte delle regioni dell’emisfero boreale. Pur essendo di per sé molto prolifico, tende a incrementare la probabilitá di resa riproduttiva incrociandosi spontaneamente con il codone e l’anatra nera.

Germano reale (femmina)

Germano reale (femmina)

Germano reale (maschio e femmina)

anatra5

Nome comune: Alzavola
Nome scientifico: Anas crecca
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: l’alvavola è lunga 36 cm.

Anatra di superficie; la più piccola delle anatre europee. preferisce la acque interne ed isolate in estate, ed in inverno la costa e le acque aperte.
Caratteristiche:Maschio: testa bruna e verde. Femmina: taglia piccola; specchio verde.

Alzavola

anas_crecca

alzavola

Nome comune: Marzaiola
Nome scientifico: Anas querquedula
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la marzaiola è lunga 38 cm.

Anatra di superficie; Preferisce le acque interne.
Caratteristiche: Maschio: striscia bianca sul capo. Femmina: spalle grigio-blu; specchio indistinto.

Nome comune: Canapiglia
Nome scientifico: Anas strepera
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la canapiglia è lunga 51 cm.

Anatra di superficie; Preferisce le acque interne.
Caratteristiche: Maschio: corpo grigio con sottocoda nero; copritrici alari castane; specchio nero e bianco. Femmina: ventre bianco; specchio nero e bianco.

Nome comune: Fischione
Nome scientifico: Anas penelope
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il fischione è lungo 46 cm.

Anatra di superficie. Preferisce in estate le acque interne, ritornando sulla costa in inverno.
Caratteristiche:Maschio: capo bruno con corona chiara; spalle bianche. Femmina: specchio nero e verde; ventre bianco.

Nome comune: Codone
Nome scientifico: Anas acuta
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il codone è lungo 63 cm.

Anatra di superficie. Preferisce le acque interne d’estate, le coste d’inverno
Caratteristiche: grande ma snello.Maschio: coda lunga appuntita; striscia bianca sul collo. Femmina: coda e collo lunghi.

Anatre selvatiche

anatra2

Il maschio dell’anatra selvatica, come quello di molti altri uccelli, ha, rispetto alla femmina, una colorazione più brillante e vistosa, che rende spettacolari i rituali di corteggiamento. La specie è molto diffusa in tutto l’emisfero settentrionale, in particolare nelle zone prossime ai bacini di acqua dolce.

Le zampe della anatre sono inserite in posizione fortemente arretrata rispetto al corpo. Pur costituendo uno svantaggio per gli spostamenti a terra, un simile assetto si rivela il più efficiente per il movimento in acqua.

Nome comune: Mestolone
Nome scientifico: Anas clypeata
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il mestolone è lungo 51 cm.

Anatra di superficie. Vive generalmente in acquitrini e paludi. Si serve dello strano becco per estrarre dall’acqua piccole piante ed animali.
Caratteristiche: becco a cucchiaio. Maschio: testa verde, petto bianco e fianchi marrone. Femmina: spalle blu con specchio verde scuro.

Mestolone (maschio e femmina)

Mestolone

Mestolone (femmina)

Mestolone_femmina

Nome comune: Anatra mandarina
Nome scientifico: Aix galericulata
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: l’anatra mandarina è lunga 46 cm.

Anatra di superficie. Introdotta dalla Cina, vive sui laghi dei parchi. Nidifica nel cavo degli alberi.
Caratteristiche: Maschio: basette di color arancio; “vele” arancioni sulle ali. Femmina: intorno all’occhio bianco e striscie bianche; mento bianco; parti inferiori macchiettate.
VELE: strane penne che si trovano nella parte posteriore del corpo dell’anatra mandarina; chiamata così perchè sembrano, appunto, delle vele.

Anatra mandarina

anatra3

Anatra mandarina (Aix galericulata), una delle numerose specie della famiglia degli anatidi, è diffusa soprattutto nelle regioni orientali dell’Asia. Animale sacro in alcune zone, l’anatra mandarina compare con frequenza nelle opere della letteratura e della pittura di paesi orientali come la Cina e il Giappone, dove è simbolo della fedeltá coniugale.

Nome comune: Fistione turco
Nome scientifico: Netta rufina
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il fistione turco è lungo 56 cm.

Anatra tuffatrice, poco comune. Preferisce le acque interne.
Caratteristiche: Maschio: capo marrone con becco rosso; larga fascia bianca sull’ala. Femmina: piumaggio bruno con guancie chiare.

Fistione turco (maschio e femmina)

nettarufina_coppia

Fistione turco (maschio e femmina)

FistioneTurco

Nome comune: Moretta grigia
Nome scientifico: Aythya marila
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la moretta grigia è lunga 46 cm.

Anatra tuffatrice. Si riproduce all’interno, ma vive sulle coste e sugli estuari.
Caratteristiche: Maschio: come la moretta, ma senza cresta e con dorso grigio. Femmina: come la moretta, ma senza cresta e con una macchia bianca più grande sulla faccia.

Due Morette (specie dell’America del Nord)

moretta01

moretta

La moretta (Aythya valisineria), è un’anatra diffusa presso laghi e marcite dell’America settentrionale. Nidifica nell’erba alta e si nutre della vegetazione e degli invertebrati acquatici che trova sul fondo dei laghi in occasione di rapide ma frequenti immersioni. Trascorre l’inverno lungo le coste del Messico e degli Stati Uniti, ma va a riprodursi più a nord, tra il Canada e l’Alaska.

Nome comune: Moretta
Nome scientifico: Aythya fuligula
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la moretta è lunga 43 cm.

Anatra tuffatrice. Si vede spesso su laghi e stagni; d’inverno anche sulle coste del mare e degli estuari.
Caratteristiche: Maschio: ciuffo occipitale (dietro il capo) ricadente; capo e collo nero, dorso e coda neri con ventre bianco. Femmina: cresta piccola; piccola macchia binaca alla base del becco; striscia alare bianca.

Nome comune: Moriglione
Nome scientifico: Aythya ferina
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il moriglione è lungo 46 cm.

Anatra tuffatrice. Si riproduce nei canneti presso le acque interne; passa l’inverno sulle acque aperte dell’interno, raramente sulle coste.
Caratteristiche: Maschio: capo e collo marrone scuro con dorso grigio chiaro; petto nero. Femmina: capo bruno con striscia chiara sull’occhio; banda blu sul becco; banda gigia sull’ala.

 

Nome comune: Moretta tabaccata
Nome scientifico: Aythya niroca
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la moretta tabaccata è lunga 41 cm.

Anatra tuffatrice. Si riproduce nei canneti presso le acque interne; passa l’inverno sulle acque aperte dell’interno, raramente sulla coste.
Caratteristiche: Maschio: capo, collo e petto bruni, occhio bianco; macchia bianca sotto la coda; barra alare binaca. Femmina: come il maschio, ma più chiara e con occhio bruno.

Moretta tabaccata

Moretta-tabaccata

 Moretta (specie della Nuova Zelanda)

moretta02

Nome comune: Quattrocchi
Nome scientifico: Buchepala clangula
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il quattrocchi è lungo 46 cm.

Anatra tuffatrice. Costruisce il nido nel cavo degli alberi o in buche presso le acque dolci; passa l’inverno su laghi, fiumi ed acque costiere. All’inizio della primavera i maschi, nel corteggiamento, sollevano il becco.
Caratteristiche: Maschio: macchia rotonda bianca davanti all’occhio. alare binaca. Femmina: testa bruna con collare bianco.

Quattrocchi

quattrocchi minore

 

Nome comune: Moretta codona
Nome scientifico: Clangula hyemalis
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la moretta codona è lunga 51 cm.

Anatra tuffatrice. Si riproduce nell’artico; passa l’inverno sulle acque costiere.
Caratteristiche: Maschio: coda molto lunga ed appuntita; capo e collo scuri ma macchia bianca sulla guancia (estate) o collo e capo bianchi con macchia scura sul collo (inverno). alare binaca. Femmina: faccia e ventre bianchi con dorso, spalle e ali scure.

 

Nome comune: Orco marino
Nome scientifico: Melanita fusca
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: l’orco marino è lungo 56 cm.

Anatra tuffatrice. In genere si riproduce sulle acque interne; passa l’inverno sulle coste e sui grandi laghi.
Caratteristiche: Maschio: tutto nero eccetto una macchia bianca sotto l’occhio e barra alre bianca. Femmina: due macchie chiare ai lati del capo; barra alare bianca.

 

Nome comune: Orchetto marino
Nome scientifico: Melanita nigra
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: l’orchetto marino è lungo 51 cm.

Si riproduce sulle isole e nell’interno; passa l’inverno soprattutto sulle coste.
Caratteristiche: Maschio: tutto nero eccetto una macchia arancione sul becco. Femmina: cappuccio(capo) scuro, guancia chiara.

 

Nome comune: Edredone comune
Nome scientifico: Somateria mollissima
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: l’edredone è lungo 61 cm.

Anatra tuffatrice. La più marina tra tutte le anatre, vive raramente nell’entroterra. Si ritroduce sul litorale, foderando il nido con le soffici piume del petto.
Caratteristiche: Maschio: dorso bianco e ventre nero. Femmina: piumaggio bruno striato di nero.

Edredone comune

anatra4

Edredone comune (Somateria mollissima), è un’anatra d’acqua salata. Come molte altre specie di anatre, oche e cigni, è particolarmente soggetta all’avvelenamento da piombo, presente negli stagni e nei laghi sotto forma di pallini da caccia o di piombini da pesca. Ingerito e digerito insieme al cibo, il piombo entra in circolo provocando la morte dell’animale.

 

Nome comune: Gobbo rugginoso
Nome scientifico: Oxyura leucocephala
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: il gobbo rugginoso è lungo 46 cm.

Anatra tuffatrice. Frequenta le acque interne; è rara.
Caratteristiche: Maschio: capo bianco, becco blu (estate). Femmina: guancie chiare con linea scura.

Gobbo rugginoso (specie dell’America centrale)

gobbo-rugginoso

Il maschio della specie Oxyura jamaicensis (specie dell’America centrale) presenta una singolare colorazione del piumaggio e del becco: il capo è in parte nero e in parte bianco, il corpo è rossiccio uniforme e il becco è di un azzurro brillante. Come la specie Oxyura leucocephala (gobbo rugginoso), a cui è strettamente imparentato, si nutre di semi, foglie e piccoli invertebrati e nidifica nei pressi di laghi e stagni, dove la vegetazione è più fitta.

anatra

Nome comune: Smergo minore
Nome scientifico: Mergus serrator
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: lo smergo minore è lungo 56 cm.

Becco-a-sega. Costruisce i nidi tra le rocce o la vegetazione, presso acque dolci o salate.
Caratteristiche: Maschio: capo nero-verde con doppia cresta; collare bianco e banda marrone sul petto. Femmina: capo marrone con doppia cresta.

Nome comune: Smergo maggiore
Nome scientifico: Mergus merganser
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: lo smergo maggiore è lungo 66 cm.

 

Becco-a-sega.Costruisce il nido nelle cavitá degli alberi ed in tane presso presso le acque dolci.
Caratteristiche: Maschio: capo verde scuro con lungo becco grosso; petto e fianchi bianco-rosati. Femmina: come la femmina dello smergo minore, ma con una sola cresta e gola bianca.

Smergo Maggiore

smergo

Lo smergo maggiore, diffuso in diverse regioni dell’emisfero settentrionale, si nutre prevalentemente di piccoli di pesci d’acqua dolce. Nidifica nelle cavitá degli alberi, dove depone fino a 12 uova color bruno-grigiastro.

Nome comune: Pesciaiola
Nome scientifico: Mergus albellus
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la pesciaiola è lunga 41 cm.

Becco-a-sega. Nidifica in cavitá degli alberi presso le acque interne.
Caratteristiche: Maschio: bianco con linee nere e macchia oculare nera. Femmina: capo e gola bianchi con vertice e nuca castani.

 

Nome comune: Volpoca
Nome scientifico: Tadorna tadorna
Ordine: Anseriformi
Famiglia: anatidi
Piccola descrizione: la volpoca è lunga 61 cm.

Grossa anatra simile ad un’oca. Nidifica in cavitá di alberi, in tane o tra i cespugli.
Caratteristiche: Maschio: capo nero-verde, corpo bianco con larga banda castana; tubercolo rosso sul becco. Femmina: come il maschio ma senza tubercolo rosso.

Volpoca

volpoca

volpoca01

AMERICA SETTENTRIONALE
LE SCOGLIERE DEL NORD

Le scogliere più nordiche dell’America Settentrionale vanno da Cape Cod alla Groenlandia sull’Atlantico, e lungo le coste del Mar Glaciale Artico, fino al punto in cui questo diventa Oceano Pacifico. In estate, le fessure e le sporgenze delle scogliere della costa orientale pullulano di uccelli. Una moltitudine di gabbiani, di alche, di colombi di mare, di cormorani e di sule (con aree di distribuzione che si spingono fino alle coste dell’Europa occidentale) riempie ogni possibile spazio vitale sulla superficie rocciosa. Sebbene sulle scogliere artiche si trovino enormi colonie, queste contengono un minor numero di specie. Queste estreme coste settentrionali sono, durante la stagione degli accoppiamenti, appannaggio quasi esclusivo della gazza marina minore, del gabbiano d’avorio e del gabbiano glauco. Più a sud, queste specie sono sostituite dalle gazze marine, dai gabbiani del genere Rissa e dai più grossi colombi di mare.
Il problema del cibo è risolto da questi uccelli con un’azione di “saccheggio” dei mari nordici ricchissimi di fauna.
In inverno, le specie artiche si spostano soltanto fino al limite del pack, mentre le specie più meridionali si spingono al largo alla ricerca di cibo. Sulle scogliere oceaniche risiedono anche due specie di falco, il girfalco dell’alto artico ed il falco pellegrino, più a sud. Sebbene questi predatori si cibino per lo più dei loro vicini, il loro impatto non è sensibile, data l’abbondanza di prede disponibili.

Le scogliere del nord

Scogliere nord

GAZZA MARINA DAL BECCO A RASOIO
Nome scientifico: Alca torda
Piccola descrizione: 35 cm. Sta lentamente riprendendosi dopo un lungo periodo di stragi.

Si tratta della più grossa alca vivente parente sopravvissuta dell’Alca impenne (Pinguinus impennis), incapace di volare, che si estinse nel secolo scorso. Per molti anni questa gazza marina è stata ricercata per le sue penne e inoltre veniva abbondantemente usata dai cacciatori come esca, con il conseguente risultato che subì un pauroso declino numerico.
L’uccello, attualmente oggetto di misure di protezione, si sta riprendendo e, recentemente, è ritornato a stabilirsi sulla costa del Maine.
Queste gazze nidificano sulle scogliere, in colonie comprendenti spesso anche Colombi di mare, o in piccoli gruppi su spiagge ciottolose. Al momento della cova, non adottano la posizione eretta del pinguino, tipica anche del Colombo di mare, ma si accoccolano sull’uovo che, come quello di molti uccelli che nidificano sulle scogliere, ha forma quasi conica, per evitare che rotoli dalla stretta sporgenza rocciosa.
Il piccolo viene nutrito da entrambi i genitori e rimane sulla sporgenza che ospita il nido finché non è quasi completamente formato, anche se ancora incapace di volare. Viene poi persuaso dolcemente dagli adulti a seguirli verso il mare e, seguendo il loro esempio, impara presto a catturare gamberetti o pesciolini tuffandosi e nuotando rapidamente sott’acqua.

Gazza marina dal becco a rasoio

Gazza marina becco rasoio

COLOMBO DI MARE
Nome scientifico: Cepphus grylle
Piccola descrizione: 32 cm. A differenza dei suoi congeneri non ha difficoltà a trovarsi un buon posto ove collocare il suo nido.

Il Colombo di mare dal tipico becco affilato vive lungo entrambe le coste dell’Atlantico e le spiagge rocciose del Mar Artico. Nel Pacifico orientale viene sostituito dal Cepphus columba ed in Giappone dal Cepphus carbo.
Durante i mesi più caldi, questo uccello trova di che nutrirsi nelle acque costiere poco profonde, catturando vari pesci. In inverno, la maggioranza di questi uccelli rimane nella residenza abituale oppure si sposta verso il mare.
I Colombi di mare preferiscono pendici molto scoscese e banchi argillosi, nascondendo le uova in crepacci naturali o scavando appositamente delle cavità. A diffrenza dei Colombi di mare più grossi, questi non hanno abitudini coloniali, forse perché, a differenza degli uccelli di scogliera, non hanno alcuna difficoltà nel reperire zone di nidificazione a loro adatte. Le due uova maculate vengono deposte o sulla roccia nuda o su di un letto piatto di piccoli ciottoli e conchiglie.

Colombo di mare

Colombo mare

URIA DI BRÜNNICH
Nome scientifico: Uria lomvia
Piccola descrizione: 35 cm. Spesso nidifica nelle stesse zone con l’Uria comune con cui è strettamente imparentata.

L’Uria di Brünnich ed il suo parente prossimo, l’Uria comune (Uria aalge), sono grosse alche che vivono insieme in numerose colonie sulle scogliere del Mare Artico, dell’Atlantico e del Pacifico del Nord. Non tentano nemmeno di costruire un nido, e l’unico uovo, che l’adulto cova in posizione eretta, viene deposto sulla sporgenza rocciosa nuda. Sebbene le due specie spesso siano reperibili insieme, l’Uria comune preferisce le superfici più piatta. Nell’alto Artico, dove l’Uria di Brünnich è reperibile da sola, gli uccelli utilizzano ogni spazio disponibile, dal momento che altrove la concorrenza è spietata.
Lo spirito competitivo per l’accapparramento dei punti di nidificazione è probabilmente il fattore limitante che più incide sulla popolazione, in quanto il mare fornisce quantità praticamente illimitate di cibo, e le differenti specie non hanno alcun bisogno di competere le une con le altre.

Uria di Brünnich

Uria