Amici Volanti

Amici Volanti

   Lug 22

Classificazione pt.2

Classificazione

Ordine: Struzioniformi

Famiglia: Struzionidi

Nome Comune: Struzzo

Nome scientifico: Struthio camelus

Caratteristiche: Lo struzzo è il piú grosso uccello vivente, raggiunge i 2 m e mezzo d’altezza ed i 160 kg di peso. Inetto al volo, presenta un piumaggio alare puramente decorativo. Il lungo collo è implume, come pure le zampe, anch’esse molto lunghe e terminanti con due sole dita. Il maschio ha la livrea bianca e nera, la femmina bianca e marrone. La vista e l’udito sono ben sviluppati

Habitat: Semideserto, savana e brughiere

Distribuzione: Africa orientale e meridionale, Sahara, Siria meridionale

Comportamento: Non migratori, vagano in branchi di 10-15 individui accompagnando le mandrie

Alimentazione: Si nutrono di piante succulenti, d’insetti

Riproduzione: Durante il corteggiamento il maschio si acquatta davanti alla femmina agitando le ali ed emettendo un richiamo roco caratteristico; in torno ad ogni maschio si riuniscono da tre a cinque femmine che in seguito deporranno in un nido comune 15-20 uova color crema con il guscio ruvido. Le femmine covano di giorno ed i maschi di notte

Cura della prole: I piccoli lascinano il nido entro 24 ore dalla schiusa

Rapporti con l’uomo: Le uova svuotate sono usate dagli indigeni per il trasporto dell’acqua; il contenuto costituisce un ottimo cibo. La sottospecie araba é forse estinta

Ordine: Reiformi

Nome comune: Rea

Nome scientifico: Rhea americana

Famiglia: Reidi

Caratteristiche: Il rea é l’uccello piú grande delle Americhe raggiungendo i 25 kg di peso ed i 90 cm d’altezza. Ha collo e zampe lunghi, piedi trigiditati, becco largo e piatto. Le ali sono corte ed é incapace di volare. Il piumaggio, costituito da penne morbide, é di colore grigiastro piú scuro sul collo, e manca completamente di coda. I due sessi si distinguono unicamente per le maggiori dimensioni del maschio

Habitat: Praterie e boscaglia ruda

Distribuzione: Perú meridionale, Brasile orientale e centrale. Argentina

Comportamento: É prevalentemente gregario (solo alcuni vecchi maschi sono solitari) e vive in branchi di 20-25 individui che accompagnano le mandrie. É abilissimo nella corsa e nel nuoto

Alimentazione: Si nutre di vegetali, insetti, piccoli vertebrati e semi

Riproduzione: Nel periodo riproduttivo il maschio compie la parata di corteggiamento davanti a 3-8 femmine correndo ad ali spiegate ed emettendo un rauco richiamo. Scava una deppresione nel terreno in cui le femmine depongono 30 uova o piú che egli cova per 35-40 giorni

Cura delle prole: I piccoli lascinao ben presto il nido comunicando tra di loro a fischi. Raggiungono il pieno sviluppo i 5 mesi e la maturitá sessuale a due anni

Rapporto con l’uomo: In America meridionale le penne vengono usate per fare piumini per la polvere

Ordine: Procellariformi

Famiglia: Idrobatidi (Idrobatidae)

Nome comune: Petrello di Wilson

Nome scientifico: Idrobates pelagicus

Caratterististiche: Misurano soltanto 15-25 cm. Di apparenza fragile, con gambe lunghe ed esili, hanno lunghe ali, coda media o lunga (di forma quadrata o biforcuta), collo corto, becco lungo e snello ed uncinato. Il piumaggio è nero, bruno o grigio e molte specie sfoggiano un sottocoda candido. Becco e gambe sono neri, con zampe palmate nere o gialle, secondo la specie. Non presentano dimorfismo sessuale.

Habitat: Oceanico.

Distribuzione: Mondiale; la popolazione è assai abbondante.

Comportamento: Appaiono quasi troppo gracili per la vita oceanica che conducono; le gambe sono così esili da non reggerli su terraferma senza l’aiuto delle ali; il volo appare incerto, simile a quello dei pipistrelli. Conducono vita notturna, presumibilmente per sfruggire ai predatori di maggior mole.

Alimentazione: Il cibo è costituito prevalentemente da plancton, crostacei e rifiuti grassi dalle navi.

Riproduzione: Nidificano in colonie, costruendo i nidi in tane od in crepacci. La femmina depone un uovo che entrambi i genitori covano, ognuno per diversi giorni di seguito, per cinque-sette settimane.

Cura della prole: I piccoli, ricoperti di piumino finissimo, vengono nutriti dai genitori con cibo rigurgitato finché non abbiano superato in mole gli adulti stessi ed in seguito abbandonati.

Vita sociale: Gregari.

Cure parentali: entrambi i genitori.

Ordine: Pelecaniformi

Famiglia: Fetontidi (Phaetonntidae)

Nome comune: Fetonte beccorosso

Nome scientifico: Phaeton aethereus

Caratteristiche: Uccelli di media mole, lunghi 40-48 cm, hanno lunghe ali appuntite, coda a cuneo con due penne centrali assai allungate, gambe cortissime in posizione arrestata sul corpo (= molto vicine alla coda), zampe palmate, collo corto e testa grossa; il becco è di misura media, è forte è leggermante ricurvo. Il piumaggio è di un bianco brillante, più o meno screziato di nero su capo ed ali. Una striscia nera attraversa l’occhio, ed il becco è rosso o giallo.

Habitat: Oceanico.

Distribuzione: Mari tropicali.

Comportamento: Hanno volo rapido, simile a quello dei piccioni e si allontanano moltissimo dalle coste.

Alimentazione: Piccoli pesci e seppie catturati appena sotto la superficie.

Riproduzione: La riproduzione avvine durante tutto l’anno, e talvolta un adulto in cerca di nido uccide la prole di un’altra coppia ed occupa il nido altrui. Dopo quattro o sei settimane di corteggiamento, la coppia nidifica in una depressione del terreno od in un crepaccio. La femmina depone un solo uovo, bianco a macchie brune, ed entrambi i genitori lo covano a turni di 2-5 giorni, per 41-45 giorni.

Cura della prole: I nidiacei, ricoperti di piumino, vengono lasciati soli nel nido, mentre i genitori vanno in cerca di cibo, cosicché il tasso di mortalità in questo periodo è assai alto, a causa dei predatori.

Vita sociale: Gregari.

Cure parentali: entrambi i genitori.

Fetonte beccorosso

Fetonte beccorosso

Ordine: Pelecaniformi

Famiglia: Sulidi (Sulidae)

Nome comune: Sula bassana

Nome scientifico: Morus bassanus

Caratteristiche: Misurano da 65 a 75 cm in lunghezza, hanno ali lunghe ed appuntite, gambe corte e robuste, zampe palmate. Il collo è lungo, il becco è spesso, ricurvo e senza narici. La Sula bassana ha piumaggio corporeo bianco, ali scure e capo color panna. Le Sule fosche, invece, sono brune o bianco brune; ma portano una piccola sacca vivamente colorata sottogola. Non su presenta dimorfismo sessuale rilevante.

Habitat: Lungo le coste marine.

Distribuzione: Mari tropicale e temperati.

Comportamento: Goffi sulla terraferma, sono maestosi in volo, muovendosi con moto alare regolare e planano occasionalmente. Dormono galleggiando sull’acqua.

Alimentazione: Si tuffano sulla preda ad una distanza di 10-40 metri, inseguendo i pesci sott’acqua ed afferrandoli con il becco.

Riproduzione: Nidificano in colonie, scegliendo i nidi più svariati, da semplici depressioni nel terreno a veri e propri nidi costruiti sugli alberi con rametti ed alghe. La femmina depone da 1 a 3 uova opache, color verde pallido od azzurre, le quali vengono covate da entrambi i genitori a turno.

Cura della prole: Appena nati i piccoli sono completamenti implumi, ma ben presto si ricoprono di piumino. I genitori li nutrono con cibo rigurgitato per circa un mese. Raggiungono la maturità a 4 anni.

Vita sociale: Gregario.

Cure parentali: entrambi i genitori.

Ordine: Pelecanifromi

Famiglia: Falacrocoracidi (Phalacrocoracidae)

Nome comune: Cormorano

Nome scientifico: Phalacrocorax carbo

Caratteristiche: Misurano in lunghezza da 48 cm a 1 m: hanno ali corte o medie, zampe corte, grosse e palmate; corpo lungo, becco snello ed uncinato in punta, narici sigillabili dall’esterno, coda medio-corta. Quasi tutte le specie vestono in maggio nero cangiante con riflessi verdi. Alcune sfoggiano collo e parti ventrali bianche. Non esiste dimorfismo sessuale.

Habitat: Coste marine e lacustri.

Distribuzione: Mondiale, eccetto il Canada settentrionale, l’Asia settentrionale e le coste del Pacifico sudoccidentale.

Comportamento: Sono uccelli gregari, marini o di acqua dolce. Possono restare in immersione per più di un minuto, ma non fanno uso delle ali sotto’acqua.

Alimentazione: Quasi esclusivamente pesce; talvolta crostacei ed altri animali acquatici. Pescano il pesce sott’acqua, poi lo gettano in aria e lo inghiottono in volo.

Riproduzione: Durante il corteggimanto, che si svolge nel nido, i due partners intreccaino i colli. Il nido, di rametti ed alghe, oppure solamente di alghe, viene costruito su isole, sulla terraferma, e talvolta anche in cima agli alberi. La femmina depone tre o quattro uova opache che cova insieme al maschio per circa un mese.

Cura delle prole: I piccoli vengono nutriti dai genitori e completano la prima muta entro un mese dalla nascita.

Vita sociale: Gregario.

Cure parentali: entrambi i genitori.

Ordine Pelecaniformi

Famiglia Pelecanidi (Pelecanidae)

Nome comune Pellicano

Nome scientifico Pelecanus onocrotalus

Caratteristiche: Lunghi da 125 a 180 cm, hanno un corpo assai robusto, zampe corte, forti e palmate; ali grandi e coda corta; il becco lungo, diritto, piatto, è ventralmente provvisto di una sacca dilatabile. Il piumaggio è bruno, bianco o grigio, ma in alcune specie la parte anteriore della testa e del becco sono vivacemente colorati. Non è presente dimorfismo sessuale.

Habitat: Acque dolci, interne ed estuari.

Distribuzione: Dall’America Meridionale fino alle Galápagos; Africa, Europa sudorientale; Asia meridionale; Australia.

Comportamento: Hanno abitudini sociale altamente sviluppate e vivono in gruppi numerosi. Si muovono pesantemente sulla terraferma, ma sono assai agili in volo.

Alimentazione: Si nutrono di pesce, pescando in gruppo, spingendo la preda sui fondali bassi per facilitarne la cattura. La preda viene afferrata con il becco e riposta nella sacca dilatabile, come in una rete.

Riproduzione: Il rituale, che avviene durante il periodo di accoppiamento ed al cambio di turno della cova, è relativamente semplice. I pellicani nidificano in colonie; la femmina depone da 1 a 4 uova bianche che schiudono entro circa 30 giorni.

Cura della prole: I piccoli, che appena nati sono implumi, si ricoprono di piumino bruno. Nutriti dai genitori con cibo rigurgitato, diventano indipendenti e completano la muta in 8 settimane.

Vita sociale: Gregrario.

Cure parentali: entrambi i genitori.

Pellicano

Pellicano